sabato 2 aprile 2011

PARLARE DA SOLI SIGNIFICA SAGGEZZA

Una scienziata canadese, Alexa Tullett, specialista in Psicologia sociale presso l'Università di Toronto in Canada ha affermato che: parlare ad alta voce, tra sé e sé, fa bene. Aiuta a prende le decisioni giuste w a ridurre il rischio di agire in maniera impulsiva. Formulare un vero e proprio dialogo con noi stessi, specialmente parlando a voce alta, ci permette di stimolare l'attività elettrica di quelle zone del cervello, i lobi frontali, che si comportano come veri e propri guardiani del comportamento e riducono le probabilità di compiere azioni negative o sbagliate. Possiamo quindi riabilitare, finora considerata come un segno di scarso equilibrio mentale, di parlare da soli. In realtà parlare con se stessi è una risorsa e non un problema. Non sarebbe sbagliato se tutti lo facessimo più spesso, nelle occasioni in cui abbiamo davvero bisogno di non sbagliare. L'utilità di parlare con se stessi è che questo dialogo ci pone di fronte alla necessità di procedere secondo un modello di ragionamento basato su domande e risposte, all'interno del quale si prendono in considerazione tutti i termini del problema dei problemi da affrontare. Attivare il pensiero a voce alta aumenta l'efficacia di questo processo decisionale. Infatti il pensiero tende a prendere strade laterali, a perdersi, a confondersi. Basta una piccola distrazione e si può smarrire il filo. Invece quando usiamo la voce utilizziamo maggiormente le risorse del cervello: sentiamo con le orecchie le nostre parole e siamo costretti, mentre parliamo , a farle passare attraverso l'intero percorso della comprensione del messaggio. Infatti, non a caso, l'area cerebrale destinata al ragionamento logico e quella del linguaggio sono vicinoe tra loro: è naturale che vi sia uno scambio di informazione e di attività tra queste due zone del cervello.

3 commenti:

  1. questo articolo è fantastico!
    soprattutto per quanto riguarda la questione del perdere il filo mentre si pensa, si rischia di perdersi nei propri pensieri!

    RispondiElimina
  2. gRAZIe, Anna. Sn felice ke possano interessarvi i miei articoli. Grazie davvero.

    RispondiElimina