venerdì 1 aprile 2011

LA MODA VEDO- NON VEDO

Trasgressione e castità: il fascino del pizzo gioca tutto sul filo di questi opposti indissolubili. Perché la sensualità, in certi casi, è questione di identità nascoste, misteri svelati, “trame” irrisolte… ma inconfondibilmente chic.
E così, il più prezioso dei merletti conquista una dimensione multisensoriale, ricoprendo ruoli davvero inaspettati. Si delinea così una femminilità poliedrica e e letteralmente “intima”, che anche nella bella stagione non rinuncia al fascino materico di un tessuto solitamente nascosto. Non solo merletti candidi e applicazioni di sangallo avorio, ma anche minidress a corolla effetto nude e lunghi abiti stretti da cintura, d’ispirazione quasi ottocentesca.
Per le più aggressive, imperdibile il chiodo in pelle interamente lavorato con intarsi e zip, ma solo se portato con il bustier ad hoc. Per la sera, basterà un tronchetto dai dettagli fluo o un bauletto doppiato per essere elegantissime con un solo gesto… Sexy, con garbo.
Nella foto: 
Miniabito in pizzo trasparente con gonna a corolla, Colette Dinnigan Estate 2011.

Interamente realizzata in pizzo doppiato la doctor's bag Miss Rosa firmata Dolce & Gabbana.

Abito dalla linea rétro in pizzo nero chiuso da cintura, Brioni Estate 2011.


Tronchetto spuntato in pizzo con lacci fluo, Paul&Betty.


Trama larga per il merletto nero del miniabito Valentino Estate 2011.

Chiodo traforato effetto pizzo chiuso da zip, Philip Plein


Velo impalpabile e camicetta trasparente per l'outfit Francesco Scognamiglio Estate 2011. 

Bustier sagomato delineato da stecche, Motivi, (29,95 euro).  
                                             

In pizzo con gonna lucidissima e stretto da cintura, Angelo Marani Estate 2011.


Abito longuette con fondo a balze e fiore applicato, Sisley.









    Nessun commento:

    Posta un commento