mercoledì 13 aprile 2011

Hai la pelle scura? Ecco la tinta per te

Le donne scure di pelle amano schiarire i capelli. Ma perché il fai-da-te venga bene, occorre seguire qualche piccola astuzia. Con la guida del nostro esperto, i risultati saranno brillanti.


Per rendere più luminosi i lineamenti, le donne dalla pelle scura tendono a schiarire il colore dei capelli. Con risultati, però, non sempre soddisfacenti.

"Per evitare tinte improbabili, come il giallo banana o l’arancio albicocca, il primo consiglio è usare prodotti delicati, a bassa ossigenazione, ripetere più volte il procedimento schiarente e applicare cosmetici lenitivi per il cuoio capelluto" dice Luigi Ciccarelli, hairstylist di Maison Mamì.





Ma se la schiaritura è già stata fatta, si può rimediare. "Quando la tinta tende al giallo solo sulle radici, conviene applicare uno shampoo viola o blu (si trova dal parrucchiere). L’ideale è allungare il prodotto con un po’ d’acqua calda e fare un impacco di 10 minuti sulle radici asciutte prima di sciacquare bene" spiega l’esperto.

Masque Professionnel Expert Couleur di Franck Provost (6,99 euro) è la maschera perfetta per capelli colorati: prolunga la durata della tinta e la fa risplendere.







"Se, invece, si deve aggiustare l’intera testa, allora bisogna prendere una crema idratante bianca e 
mescolarla con un pigmento colorato viola o blu (disponibile sempre nei saloni). Poi, si stende la miscela su tutte le lunghezze, sempre asciutte". In questo modo, oltre a correggere la tinta, si ristrutturano anche i fusti.

Natural&Easy 560 di Testanera(5,90 euro) regala ai capelli una bella tinta color miele.



Per mantenere il colore bello brillante e farlo durare di più, via libera a impacchi ammorbidenti e shampoo a base di semi di lino, da usare anche tutti i giorni. Una volta al mese poi, ci vuole un trattamento ultra ricostituente. "In questo caso si può applicare del burro di karité sui capelli asciutti e puliti. E, dopo due ore di posa, sciacquare abbondantemente" suggerisce il parrucchiere Ciccarelli.

Nessun commento:

Posta un commento