lunedì 21 marzo 2011

"Il cigno nero"





Oggi parliamo del film"Il cigno nero". Sono stata a vederlo al cinema ieri sera col mio ragazzo, a me è piaciuto tanto perché amo tutto ciò che introspettivo. Si tratta di un trhiller psicologico, in cui a Nina (Natalie Portman), che fa parte di un importante compagnia di danza viene assegnata una parte di spicco all'interno del saggio intitolato"Il lago dei Cigni". Il ruolo della protagonista impone una duplice interpretazione: il"Cigno bianco", per cui Nina è perfetta poiché candida e pura, più difficile le sarà l'interpretazione del "Cigno nero" a causa del fatto che Nina è bloccata nelle emozioni, non riesce a lasciarsi andare, ha oscurato per troppo tempo i rapporti con l'altro sesso, concentrato tutto sulla danza, curando la tecnica, l'ostinato desiderio di volere essere perfetta, fino ad arrivare all'ossesione. Nel film sarà palese la competizione con la nuova ballerina Lily (Mila Kunis), di innata sensualità. Sottolineata l'antitesi tra la due ballerine, Lily è la controparte di Nina. Nel film Nina subisce una metamoforsi, trasformandosi da bambina nel corpo di un adulta a donna e mostra il lato oscuro di sé. 
Bravissima l'interpretazione della bella Natalie Portman che riesce a calarsi perfettamente nella parte.
La migliore recensione di questo film secondo me si trova su: http://www.cinemaeviaggi.com/2011/02/il-cigno-nero.html.

Vorrei condividere con voi un 'intervista che ho letto rilasciata da Natalie Portman.
La Portman considerata la nuova regina di Hoollywood. Raggiunto il suo primo Oscar con il film "Il Cigno nero". Per interpretare il ruolo della controversa ballerina Nina, la Portman ha dovuto sottoporre la sua mente ed il suo fisico a grandi sacrifici. Per un anno, ha rinunciato  a tutte le proposte di lavoro per potersi allenare nella danza come e più di una professionista. Un impegno che l'ha prostata fisicamente. Quando Darren Aronofsky le ha proposto di interpretare il ruolo di una ballerina tormentata, che lotta contro il suo lato oscuro, Natalie Portman ha subito detto"Sì". 
Dichiara "Ho patito la l'insonnia e il digiuno forzato". Per prepararsi ad interpretare il ruolo, Natalie non si era limitata a studiare danza. Aveva completamente rivoluzionato il suo aspetto, "Quando è arrivato il momento di girare il film , ero trasformata" ha dichiarato l'attrice. "Nel frattempo avevo perso dieci chili". Ma durante le riprese non smettevo di esercitarmi, all'alba prima dei ciak, poi di sera fino a notte. Un'ossessione come quella di Nina, la protagonista. Ho patito l'insonnia, il digiuno forzato, l'estrema fatica fisica. "Un'esperienza tremenda, ma necessaria per il personaggio." Natalie è sempre stata magra prima di iniziare il suo allenamento, perciò perdere dieci chili per lei ha significato arrivare ad un passo dall'anoressia: in quest'anno è andata avanti nutrendosi solo di miglio e verdura. E guardandola nel film si vede che è pelle e ossa. Insomma, Natalie si è lasciata contagiare dalla stessa ossessione vissuta dal suo personaggio: come la ballerina del film, Nina, disposta a tutto per raggiungere la perfezione, così anche Natali non si è mai risparmiata per raggiungere quella stessa perfezione. Anche perchè nell'ambizione di Nina, Natalie ritrovava una parte di sé:"Quando ero giovane ero competitiva, ero invidiosa, mi sentivo minacciata". Natalie facendo riferimento agli studi di danza che aveva fatto da bambina, dichiara che le sue basi tecniche non erano sufficienti e di avere ricominciato da zero.
La Portman dichiara di dovere al Cigno nero non solo l'Oscar ma anche di essere grata per avere trovato l'amore con Benjamin Millepied e afferma"Sono indescrivibilmente felice e mi sento piena di gratitudine per potere vivere quest'esperienza".





2 commenti:

  1. Premetto che non ho visto il film, ma dall'articolo si capisce quanto Nathalie Portman sia un'attrice vera che sa calarsi nella parte anche a discapito della sua vita personale. E l'ultima parte è come il finale di una bella favola.. dopo molti sacrifici arriva l'amore!
    Dopo aver letto questo articolo sono molto incuriosita di poter vedere con i miei occhi questo film che ha suscitato in me notevole interesse.

    RispondiElimina
  2. Grazie, Meli. Sn felice ke la mia recensione abbia suscitato il tuo interesse. Spero tu possa vedere qst film e ke possa coinvolgerti cm è successo a me.

    RispondiElimina